• upcristoacquaviva

Nel trentesimo anniversario dell'Ordinazione Sacerdotale di don Celestino

26 giugno 2020

Caro don Celestino,

Siamo lieti di partecipare alla tua gioia per il trentesimo anniversario della tua ordinazione sacerdotale: sappiamo che preferisci la sobrietà nelle manifestazioni d’affetto, ma forti di quanto san Paolo dice: “Oh, se poteste sopportare un po’ di follia da parte mia!”, ti chiediamo di sopportare ora un po’ di condivisione da parte nostra.

Siamo ben consapevoli che tale anniversario segna una tappa di rilievo nel tuo cammino personale, ma è altrettanto vero che tale traguardo comprende anche la storia della nostra Unità Pastorale Cristo Acqua Viva. “Ogni sacerdote, scelto tra gli uomini, viene costituito per il bene degli uomini nelle cose che riguardano Dio, per offrire doni e sacrifici per i peccati. Nessuno si può attribuire questo onore se non chi è chiamato da Dio” (Eb. 5, 1.4) dice l’autore della lettera agli Ebrei: riconosciamo in te una sincera apertura verso gli altri, la capacità a farti prossimo nella sofferenza, nel dolore e nella prova.

L’amicizia e l’inclinazione che nutri per quanti sono stati affidati al tuo cuore sacerdotale, rivelano la vicinanza evangelica ai tuoi fratelli in questi anni di ministero presso la nostra comunità.

La tua dedizione pastorale e il tuo servizio sacerdotale sempre attento parlano della tua fede e della tua carità. Un sacerdote ha il compito di parlare o far parlare poco di sé: ha invece il dovere di parlare e far parlare di un Altro: il Signore.

Il ministero della Parola a te affidato, insieme alla catechesi e alle molteplici iniziative parrocchiali, rivelano il tuo attaccamento alla Parola di Dio, che trasmetti con sapienza, con eloquenza e con passione. Ti siamo vicini nel tuo cammino sacerdotale con la nostra gratitudine, il nostro affettuoso ricordo, la nostra preghiera. Ti auguriamo ogni bene e imploriamo su te nella gioia di questo anniversario la benedizione del Signore.

I tuoi parrocchiani


seguono alcune testimonianze giunte in redazione

chi desidera esprimere un augurio personale

può compilare il proprio commento in questo blog

____________________


Auguri di cuore a Don Celestino da parte della nostra piccola comunità. Con lei ringraziamo il Signore per il dono del suo sacerdozio. Il Signore oggi in modo particolare le faccia sentire tutto il suo Amore di predilezione e la gioia di appartenergli. Grazie per la sua dedizione, il suo impegno, la sua testimonianza di fede. Un fraterno abbraccio augurale.

Le Suore Camilliane

____________________


Trentanni di vita sacerdotale. Gli ultimi nove tra noi a pascere un gregge complesso e composito. Ma il pastore non si è scoraggiato e anche nei momenti più bui è riuscito a contenerne le intemperanze. La nostra comunità gli è pertanto grata. L’Unità Pastorale Cristo Acqua Viva è l’ultimo suo dono. Con pazienza e caparbietà è riuscito a creare questo prezioso unisono di intenti. Oratorio, gruppi di preghiera, cori, scuola di catechesi sono le perle più appariscenti che don Celestino ha saputo coltivare e impreziosire. Mi piace concludere questa breve riflessione andando oltre il doveroso grazie, per riproporre le parole del Papa che così si rivolgeva ai sacerdoti nell'occasione del 160° anniversario della morte del curato d’Ars. “Mi rivolgo a ciascuno di voi che, in tante occasioni, in maniera inosservata e sacrificata, nella stanchezza o nella fatica, nella malattia o nella desolazione, assumete la missione come un servizio a Dio e al suo popolo e, pur con tutte le difficoltà del cammino, scrivete le pagine più belle della vita sacerdotale".

Gianni Bazzoli

____________________


...in queste occasioni gli auguri sono di rito e in questi giorni importanti si scopre il vero valore seminato nel corso degli anni, i valori di un consiglio, di un “ti ascolto” di un “forza”, di un “ce la faremo”.

Sappiamo che il cammino è difficile, non è sempre facile trovare le parole adeguate, compiere il gesto giusto, ma sappiamo che anche i silenzi hanno un grande valore che tu ci fai comprendere.

Sei solito dire che: “siamo viandanti sulla via, che devono diventare pellegrini, avere una destinazione, uno scopo” e quale figura migliore di un Buon Pastore per trovare la giusta strada?

Auguri

Il vicepresidente del Consiglio Pastorale

Andrea Amistadi

____________________


Non ho idea di come fosse la giornata del 26 giugno del 1990 a Trento.

Molto probabilmente, immersa nel fervore delle Feste Vigiliane, che la città attende e vive sempre con gran partecipazione. Vivace cornice di un contesto che ci tocca poco, altro l’evento che in quel giorno è stato celebrato, quello che per noi tutti si è rivelato bello e importante: don Celestino veniva ordinato sacerdote.

Da allora, trentanni di sacerdozio dedicati al Vangelo e alla testimonianza del Vangelo, all'amore di Dio e alla pratica quotidiana di quell'amore, trentanni donati alla cura delle comunità che gli sono state affidate e delle tante persone che ha incontrato e che lo hanno incontrato, trentanni impegnati a richiamare e invitare costantemente a vivere i valori profondi del cristiano che conduce la sua quotidianità nella efficace consapevolezza e nella concretezza del suo tempo, fuori da sterili dogmatismi.

Trentanni di esempio, dedizione, abnegazione, impegno, preparazione, cura, premura, determinazione, nell'amorevole esercizio del suo apostolato, dei quali gli ultimi nove (quasi) abbiamo goduto noi della Unità Pastorale “Cristo, Acqua Viva”.

Grazie don Celestino. Grazie di tutto quello che hai fatto. Grazie di tutto quello che farai.

Sarebbe così bello poter onorare questo tuo traguardo con una gran festa. Ma la situazione, come si sa, non ce lo permette. In questo tempo siamo stati costretti ad abituarci in gran misura al “virtuale”, annullando o limitando l’energia e la bellezza della relazione fisica. Pazienza.

Ci adattiamo, ma ugualmente desideriamo fortemente festeggiare i tuoi trentanni di sacerdozio con un grande ABBRACCIO SPIRITUALE, con la preghiera, con la riconoscenza, con la stima, con l’affetto e con un mare di auguri per il tuo apostolato sacerdotale negli anni futuri.

Severino Papaleoni

____________________

...le note biografiche ci raccontano delle sue esperienze pastorali e dei suoi studi, che hanno portato il giovane don Celestino a diventare un pastore di anime, che ci parla di Dio e ci spiega la Sua parola. Un felice giorno, il vescovo Bressan lo manda da noi. Inizialmente è parroco di quattro parrocchie; poi con don Lauro Tisi, oggi nostro arcivescovo, si adopera per dare sostanza e forma alla Unità Pastorale delle quattro parrocchie, l'Unità Pastorale Cristo Acqua Viva. Le sue iniziative pastorali vedono la formazione sia dei ragazzi, sia degli adulti; vedono i momenti di spiritualità; vedono le visite agli ammalati e il soccorso ai bisognosi; vedono la crescita del Consiglio Pastorale attraverso la condivisione della preghiera, della formazione, della presa di coscienza dei problemi presenti nella nostra comunità e la ricerca di un modo con cui il Consiglio possa adoperarsi per essere d’aiuto.

Ho sempre pensato che l’arrivo di don Celestino sia stato un momento di grazia, sia stato un momento in cui il Signore ci ha voluto bene. Molto ho imparato da lui, semplicemente ascoltandolo. Con la sua vita e il suo modo di essere, talvolta impetuoso, mi ha insegnato che la vita è degna di essere vissuta quando Cristo è posto al centro, e il Suo insegnamento è il binario su cui corre. Mi ha insegnato che donare se stessi, con gratuità, senza cercare il plauso popolare e la gratificazione personale, è una gioia grande che rende piena la vita.

Gilio Ghezzi

Segretario del Consiglio Pastorale e sacrestano di Bondo

____________________


alcune note biografiche di Don Celestino




274 visualizzazioni
RECAPITO POSTALE

Piazza Franceschetti, 1

frazione Roncone

38087 SELLA GIUDICARIE (TN)

Italy

 

upcristoacquaviva@gmail.com

ISCRIZIONE ALLE NOSTRE NEWS
  • Grey Facebook Icon
  • Grey Google+ Icon
  • WhatsApp_04

Contributi ricevuti da parte della Pubblica Amministrazione

Ai sensi della legge n.124 del 04/08/2017

Notiziario CC2020P (copertina).png

NOTIZIARIO PERIODICO

N. 23

Anno 11

Pasqua 2020